BLOG MENU:
STO LEGGENDO

C. Dickens, "Bleak House"


HO VISTO

Cose che voi umani non potete nemmeno immaginare

STO ASCOLTANDO

Le vibrazioni delle sfere celesti

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

Quello che trovo in armadio

ORA VORREI TANTO...

Irlanda


STO STUDIANDO...

L’animo umano

OGGI IL MIO UMORE E'...

Arancione

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


Nessuna scelta effettuata

MERAVIGLIE


Nessuna scelta effettuata

Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG

BLOG che SEGUO:


misia BourbonSt teodora

BOOKMARKS


Dream Theater Official Site
(da Musica / Cantanti e Musicisti )


UTENTI ONLINE:



"A day of dappled seaborne clouds."

The phrase and the day and the scene harmonised in a chord. Words. Was it their colours? He allowed them to glow and fade, hue after hue: sunrise gold, the russet and green of apple orchards, azure of waves, the greyfringed fleece of clouds. No, it was not their colours: it was the poise and balance of the period itself. Did he then love the rhythmic rise and fall of words better than their associations of legend and colour? Or was it that, being as weak of sight as he was shy of mind, he drew less pleasure from the reflection of the glowing sensible world through the prism of a language manycoloured and richly storied than from the contemplation of an inner world of individual emotions mirrored perfectly in a lucid supple periodic prose?

(J. Joyce, "A portrait of the Artist as a Young Man")


(questo BLOG è stato visitato 5806 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]



mercoledì 5 maggio 2010 - ore 16:04


Pecore
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Passate il vostro tempo innocuamente nel prato,
A malapena coscienti di una certa agitazione nell’aria,
Fate meglio a stare attenti!
Potrebbero esserci dei cani nei dintorni
Ho guardato al di là del Giordano ed ho visto
Che le cose non sono ciò che sembrano.

Ecco cosa si ottiene a far finta che il pericolo non sia reale.
Umili ed obbedienti, seguite il padrone
Tra corridoi dai pavimenti consumati, nella valle d’acciaio.
Che sorpresa!
Uno sguardo da chi ha ricevuto uno shock terminale.
Ora le cose sono davvero ciò che sembrano,
No, questo non è un brutto sogno!


Il Signore è il mio pastore,
Provvederà ad ogni mia necessità,
Mi fa stendere su verdi pascoli,
Mi conduce tra i silenziosi ruscelli.
Con coltelli luccicanti rilascia la mia anima,
Mi fa appendere su ganci in posizioni elevate,
Mi trasforma in costolette d’agnello,
Perchè, badate, Egli ha grande potere e una grande fame.
Ma quando verrà il giorno che noi sottomessi,
Grazie a tranquilla riflessione e grande assiduità,
Padroneggeremo l’arte del judo,
Allora, badate, alzeremo la testa,
E faremo piangere all’infame lacrime amare!



Belando e balbettando, piovemmo sul suo collo con un urlo!
Ahhhhhhhhhhhhhhhhahahaha!
Un’ondata dopo l’altra di vendicatori impazziti
Marciano gioiosi fuori dall’oscurità e nel sogno.

Hai sentito la notizia?
I cani sono morti!
Meglio se rimani a casa
E fai quello che ti dicono
Via dalla strada, se vuoi arrivare ad invecchiare!!!

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



venerdì 19 febbraio 2010 - ore 21:31


Cani
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Devi essere pazzo,
Devi avere davvero necessità.
Devi dormire in punta di piedi,
E quando sei per strada,
Devi essere in grado
Di localizzare la preda facile
Ad occhi chiusi.
E poi avvicinarti silenziosamente,
Non sottovento e senza farti vedere,
Devi colpire al momento giusto
Senza pensarci su.

E dopo un po’,
Puoi iniziare a lavorare sullo stile,
Come la cravatta da circolo,
E la stretta di mano ferma,
Uno sguardo particolare
E un sorriso facile.
Devi guadagnarti la fiducia
Delle persone a cui menti,
In modo che, quando ti voltano le spalle
Tu possa avere l’opportunità di infilarci il coltello.

Devi sempre guardarti le spalle,
Sai che diventerà sempre più dura,
Man mano che invecchi.
Ma alla fine farai le valigie,
E volerai a sud,
A nascondere la testa nella sabbia.
Solo un altro vecchio triste,
Tutto solo e che sta morendo di cancro.

E quando perdi il controllo,
Mieterai ciò che hai seminato.
E mentre cresce la paura,
Il sangue cattivo rallenterà e diventerà duro come un macigno.
E sarà tardi per perdere il peso
Che eri solito dover portarti dietro,
Quindi ti auguro una felice affogata,
Mentre sprofondi tutto solo,
Trascinato sul fondo dal macigno!

Devo ammettere
Che sono un po’ confuso
A volte mi sembra
Di essere semplicemente sfruttato.
Devo stare sveglio,
Devo provare a scrollarmi di dosso questo malessere che avanza.
Se non riesco nemmeno a stare in piedi,
Come posso trovare la via d’uscita di questo labirinto?

Sordo, muto e cieco,
Continui a fare finta
Che chiunque sia sacrificabile,
E che nessuno ha un vero amico.
E ti sembra che la cosa da fare
Sia di individuare il vincitore,
E che tutto venga fatto alla luce del sole,
E credi fermamente
Che ciascuno sia un assassino,

Nato in una casa piena di dolore,
Addestrato a non sputare addosso al pubblico,
A cui è stato detto cosa fare dall’uomo,
Che è stato spezzato da personale addestrato,
A suo agio con collare e catena,
A cui è stata data una pacca sulla spalla,
Che si metteva in luce nel branco,
Che era solo uno straniero a casa sua,
Che alla fine fu rimproverato,
Che fu trovato morto al telefono,
Che fu trascinato sul fondo dal macigno...


COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



domenica 8 novembre 2009 - ore 16:37


Can’t keep my eyes from the circling skies...
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Il colore del cielo piovoso al tramonto mi è sempre piaciuto tanto, è un qualcosa di inspiegabile, quasi surreale.

Un te caldo, una buona lettura (Cormac non delude mai) una coperta, mentre fuori infuriano gli elementi...basta poco per sentirsi bene e in pace con se stessi e con il mondo.

Eppure guardando la pioggia, guardando il cielo, una punta di "voglia di andare oltre" si insinua lentamente come una piccola spina fastidiosa...e grande si fà ancora spazio dentro l’interrogativo eterno...sono qui per essere ciò che sono adesso, o per essere di più di questo?

Lingua secca e attorcigliata, solo un essere legato ad una terra a cui non appartiene, io...

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 3 novembre 2009 - ore 22:37


Inglorious Basterds
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Guardatelo, possibilmente in lingua originale. Merita anche solo per l’accento che usa Brad Pitt/Aldo Rayne e per il dialogo in italiano stentato tra Rayne e Landa al cinema, troppo esilarante.

Come sempre Tarantino crea un film dalla trama originalissima, i dialoghi e i personaggi sono veramente molto curati, i costumi, le inquadrature e le musiche scelte ricordano (si, oso fare questo paragone) il compianto Stanley di ’AClockwork Orange’. Molto originale e godibile il taglio da ’documentario storico’ con la voce fuori campo e le scritte colorate che presentano i personaggi. L’uso del ’metacinema’ (il cinema nel cinema) e il tema del cinema come mezzo di morte, e quindi dell’arte come mezzo per uccidere (sviluppato nei due sotto-temi del film propaganda e della vendetta di Shosanna) colorano di un sapore amaro la pellicola. Come in Kill Bill, il tema principale è la vendetta, e le scene di violenza sono numerose ma non si tratta mai di violenza gratuita: quello che Tarantino si cura di spiegare allo spettatore nei minimi dettagli, attraverso l’uso di dialoghi assolutamente originalissimi, è il motivo che porta allo scontro, inevitabile, tra gli antagonisti.

Insomma, mi sto dilungando troppo...guardatelo, poi mi direte che ne pensate...e potremo discutere sull’idea che mi è venuta in mente che durante tutta la pellicola su Landa (il vero protagonista assoluto del film) vengano dati vari sottili indizi che suggeriscono che sia un omosessuale. E guardatelo in originale, che anche solo pensare di doppiare un film del genere è un sacrilegio.

Til next time...c ya

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



mercoledì 26 agosto 2009 - ore 21:39


All along the watchtower...
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Rompo il silenzio stampa solo per inserire questo pezzo di poesia firmato Bob Dylan. Questa canzone ha più di cinquant’anni e ancora si discute sul suo significato...e voi? Siete giullari, ladri o state dentro alle mura del castello?

There must be some way out of here, said the joker to the thief,
Theres too much confusion, I cant get no relief.
Businessmen, they drink my wine, plowmen dig my earth,
None of them along the line know what any of it is worth.

No reason to get excited, the thief, he kindly spoke,
There are many here among us who feel that life is but a joke.
But you and i, weve been through that, and this is not our fate,
So let us not talk falsely now, the hour is getting late.

All along the watchtower, princes kept the view
While all the women came and went, barefoot servants, too.
Outside in the distance a wildcat did growl,
Two riders were approaching, the wind began to howl.



PS Ci sarebbe tanto da dire, ma manca la voglia/il tempo...2 anni fa oggi facevo la valigia per Genova, un’esperienza meravigliosa che mi ha fatto crescere davvero tanto...e oggi rimpiango i posti, le persone e le emozioni che ho lasciato, mentre mi preparo a cominciare un’altra nuova esperienza...

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 15 luglio 2008 - ore 14:49



(categoria: " Vita Quotidiana ")


in questi giorni c’è davvero la sagra degli ospiti!

Benvenuti cari!

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



sabato 19 aprile 2008 - ore 22:39



(categoria: " Vita Quotidiana ")


MOVED ON FACEBOOK

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



sabato 26 maggio 2007 - ore 18:02


Through Her Eyes
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Nicholas:
"She never really had a chance
On that fateful moonlit night
Sacrificed without a fight
A victim of her circumstance

Now that I’ve become aware
And I’ve exposed this tragedy
A sadness grows inside of me
It all seems so unfair

I’m learning all about my life
By looking through her eyes

Just beyond the churchyard gates
Where the grass is overgrown
I saw the writing on her stone
I felt like I would suffocate

Inloving memory of our child
So innocent, eyes open wide
I felt so empty as I cried
Like part of me had died

I’m learning all about my life
By looking through her eyes

And as her image
Wandered through my head
I wept just like a baby
As I lay awake in bed

And I know what it’s like
To lose someone you love
And this felt just the same

She wasn’t given any choice
Desperation stole her voice
I’ve been given so much more in life
I’ve got a son, I’ve got a wife

I had to suffer one last time
To grieve for her and say goodbye
Relive the anguish of my past
To find out who I was at last

The door has opened wide
I’m turning with the tide
Looking through her eyes..."

LEGGI I COMMENTI (1) - PERMALINK



giovedì 12 aprile 2007 - ore 18:41


Lifting Shadows Off a Dream
(categoria: " Vita Quotidiana ")





He seems alone and silent
thoughts remain without an answer
Afraid and uninvited
he slowly drifts away

Moved by desire and fear
Breaking delicate wings

Lifting shadows
off a Dream once broken
She can turn a drop of water
Into an ocean

As the rain is pouring down
Tears of sorrow wash his mind
Drifting with the current
This stream of life flows on

He seems alone and silent
waiting on his hands and knees
The chill of winter’s darkness sits quietly

Moved by desire and fear
he takes a few steps away

Lifting shadows
off a Dream once broken
She can turn a drop of water
Into an ocean

And she listens openly

He pours his soul into the water
reflecting the mystery
She carries him away
and the winds die slowly

And she listens openly
And she listens openly

Lifting shadows
off a Dream once broken
She can turn a drop of water
Into an ocean

Lifting Shadows off a Dream...
Lifting Shadows off a Dream...


COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



venerdì 30 marzo 2007 - ore 11:27


Ne voglio una...
(categoria: " Vita Quotidiana ")
















LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI


mrspritz, 26 anni
spritzino di Dolo
CHE FACCIO? Analista programmatore
Sono single

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]
AGOSTO 2020
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31