Spritz.it - lordzoster's HOME - BLOG DIRECTORY - IL TUO BLOG - Segnala qs BLOG




NICK: lordzoster
SESSO: m
ETA': 32
CITTA': Padova
COSA COMBINO: intreccio database e disegno rumori
STATUS: viveur

[ SONO OFFLINE ]
[PROFILONE COMPLETO]

[ SCRIVIMI ]



STO LEGGENDO

Morris Kline
Storia del pensiero matematico


HO VISTO
Un perizomino uscire da una borsetta.
E scoprirsi esiliato (con sommo mio gaudio).


STO ASCOLTANDO
carly simon
you’re so vain
jean michel jarre
oxygen
alan parson project
eye in the sky
metallica
metallica
supreme beings of leisure
divine operating system
puretone
stuck in a groove
rare earth
ma
spacetime continuum
emit caps
quartetto cetra
nella vecchia fattoria e altri successi
crystal method
legion of boom
røyksopp
melody a.m.
shirley bassey
diamonds are forever
le orme
smogmagica
pachelbel
canone in re
rob dougan
furious angel
the beatles
white album
susanna and the magical orchestra
list of lights and buoys
chemical brothers
exit planet dust


ABBIGLIAMENTO
del GIORNO
rode NT4
apogee mini.me
m-audio microtrack 2496
hp hx2410+CF PDAudio SPDIF
AKG K141


ORA VORREI TANTO...
sole e erba tagliata.


IN QS PERIODO STO STUDIANDO...
DataMining with Sql Server 2005 Analysis Services


OGGI IL MIO UMORE E'...
umettante.


ORA VORREI TANTO...


ORA VORREI TANTO...


ORA VORREI TANTO...




PARANOIE
Nessuna scelta effettuata

 


MERAVIGLIE

Nessuna scelta effettuata




“un database relazionale per tutti: aiuta a relazionarsi. ”

(questo BLOG è stato visitato 3768 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite,


ULTIMI 10 messaggi
(per leggere i precedenti naviga attraverso il calendarietto qui a destra:
i giorni linkati sono quelli che contengono interventi )


mercoledì 4 luglio 2007
ore 14:35
(categoria: "Vita Quotidiana")


Finezze
Gli ACDC mi piacciono, hanno una bella carica, suonano il rock’n roll come solo un americano saprebbe fare ma non sono americani quindi mi sono anche simpatici.
Anche i Queen mi piacciono (MOLTO), suona(va)no rock’n roll, molto brit, e con una doppia dose di simpatia, un po’ british humour e un po’ gay pride.
Però non è il caso di confondere le due cose.

Tipo mettersi a fare i cori di apertura di "Seven seas of Rhye" sberegando come se stessero cantando Hell’s Bells.
Perfino il pianoforte sberegava.
Una cosa mi è piaciuta: il taglio della giacca simil-Freddy, fatto apposta per circumnavigare le chiappone del cantante.


LEGGI I COMMENTI (1) - SEGNALA questo BLOG

mercoledì 30 maggio 2007
ore 14:47
(categoria: "Vita Quotidiana")


Carly e un dito medio in guanto di velluto
In questi mesi non ho più scritto perchè sono stato tormentato da una canzone (allora) ignota.
Suonava molto East Coast, cantautrice stile Janis ma più edulcorata (non Charlene, per carità).
Insomma ogni tanto mi capitava nell’orecchio, in un supermercato o in ambulatorio, ma non avevo mai niente per registrarlo.
E anche se l’avessi registrato, avrei dovuto fare un giro di consulenze fra tutti i musicofili...
Comunque, neanche la melodia non mi entrava.
Hai presente ’ste situazioni?! Veramente un fastidio.
E una notte che non riuscivo a dormire, finalmente, mi è risuonato nell’orecchio un intervallo, un grappolino di tre note. Ok, lordz, ripetile e lascia che la memoria faccia il resto.
Dopo 5-6’ ero lì che mi ripetevo "You’re so vain". Ho dovuto per forza svegliare Sandy, renderla partecipe: e *NON* si è incazzata! Anzi.
Insomma, un po’ ne è valsa la pena, xkè si tratta di questa Carly Simon che nel ’71 cantava una delusione d’amore abbastanza tosta - sembra con un musicista dei Rolling Stones o tipi del genere.
Il testo non è completamente stupido, anzi mi piace leggerlo.
Diciamo che è un vaffanculo, ma di classe.


P.S.: adoro anche Charlene e "I’ve never been to me", ma in questo caso il cupìdo è stato il mitico Agente Smith nei panni del trans di "Priscilla - la regina del deserto" (ziobilly che film, anzi che Film).


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

venerdì 16 febbraio 2007
ore 09:35
(categoria: "Vita Quotidiana")


E James Joyce disse Miao
C’è un bambino che piange giù dalle rampa dei garage dev’essere anche molto piccolo un neonato e pure molto incazzato sentilo ci credo ad essere mollato in un garage da solo alle tre di notte mi incazzerei anch’io un neonato incazzato che urla ma questi sono gatti senti che urla che tirano agghiaccianti ci credo che nel medioevo narravano di streghe nella notte io invece mi ricordo di quella notte che ho preso la lanciarazzi da marina e ho sparato un razzo in mezzo al mucchio di gatti ho svegliato tutto il quartiere ma in compenso i gatti si sono calmati questi invece continuano e il bebè non smette ma sono in calore cazzarola dei gatti in calore intorno a un neonato strano perchè un neonato non ha i tratti che stimolano l’appetito pedofilo nemmeno l’efebismo ma che schifo dei gatti pedofili


Mi sono svegliato pensando a un parallellismo ossimorico fra alcuni rappresentanti della Chiesa e i gatti pedofili che sono anche storicamente una incarnazione di belzebubù.
Casso che notte.


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

mercoledì 7 febbraio 2007
ore 12:39
(categoria: "Vita Quotidiana")


Fermate l’eccidio

Modena, interno giorno. La barista indossa una camicetta in pizzo, ricavata da un unico fazzoletto da taschino, e un gilet in pelle con delle frange che riducono l’effetto pelle nuda della camicetta. Ma non è male comunque.
Le tette sono apprezzabili, come lo possono essere un paio di tette.
"Una spremuta di arance, grazie".
Inizia a prendere 3 arance, le taglia secondo più piani (da una ottiene uno splendido anello di moebius - se sa fare queste cose con le mani, figuriamoci con *manca del testo*), poi si sporge sul piccolo spremiagrumi. A fatica, perchè fra lo spremiagrumi e lei si frappongono tre bottiglie.
Tutta prona sul bancone inizia a spremere le arance.
Nonostante il concerto al quale la camicetta fa da timido sipario, non posso fare a meno di osservarla mentre, terminate le prime tre arance, ne va prendere altre 3 e poi altre 2. Tutte tagliate con intarsi da manuale, se fosse stato avorio ne avrebbe ottenuto uno splendido elefantino da portare come piercing al clit.
L’ego simpaticone-mandrillone che alberga in me fa la battuta "Se sapevo che sarebbe stato un genocidio simile avrei scelto qualcos’altro!". Ha fatto la battuta, ha fatto.
Ovviamente lei non capisce.
Rigiro la battuta "Non volevo farti lavorare così tanto", lei sorride e dice "Non sono abituata a lavorare di giorno". Le tette annuiscono.
Subito dopo mi lancia un sorrisaccio da gattona, toglie da davanti a sè le tre bottiglie e strizzandomi l’occhiolino dice "Così almeno vedi meglio"

[a questo punto potete assumermi come tester per la resistenza alla trazione dei tessuti di biancheria intima]


Dopo tutti quegli agrumi, la spremuta era comunque buona.


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

domenica 28 gennaio 2007
ore 09:57
(categoria: "Vita Quotidiana")


Prealpi
Accade di solito a metà di un pomeriggio d’inverno, guardo a Nord e vedo ancora il sole - sta disegnando le cime delle prealpi, il Grappa, l’Altopiano, il Pasubio.
Magari c’è la neve, che allora prende lo stesso colore dorato del tramonto, oppure solo qualche spruzzatina e il resto è un verde un po’ indeciso.
Più in basso, un verde scuro indistinto che fonde le colline con la pianura e ti lascia libero di inventarti dove finiscono le une e dove comincia l’altra.
La bruma e la foschia padana completa il tutto - complice la mia miopia - con questo tocco di indistinto e di infinito: riesco ad abbracciare in un solo sguardo chilometri di boschi, crepacci, costoni,cime, pendii, prati, ancora boschi, una valle, un ghiaione. Ma è tutto lontano, fermo, eterno.

Finchè un raggio di sole colpisce una finestra e l’eternità si spezza: un puntino di luce lì, concreto, anche fuori posto, testardo, che potrebbe far finta di essere un fotomontaggio in una cartolina triste.


LEGGI I COMMENTI (3) - SEGNALA questo BLOG

domenica 24 dicembre 2006
ore 11:59
(categoria: "Vita Quotidiana")


what do you need to ship a Didjeridoo?
Elementar, mein lieber Watson:
a Didjeridoo Box!


LEGGI I COMMENTI (5) - SEGNALA questo BLOG

lunedì 11 dicembre 2006
ore 09:21
(categoria: "Vita Quotidiana")


Morning sun
Stamattina il sole era rimasto nascosto dietro una scenografia di nubi basse all’orizzonte, molto tardo-romantiche (o romaniche visto che più o meno erano all’altezza di Aquileia).

Ed è uscito in un tripudio wagneriano quando mi sono immesso in autostrada. Proprio grandioso, mi pareva di sentire tutti gli ottoni che esplodevano all’unisono.
Bravi.

Niente a che vedere con il sole de "il mattino" di Grieg, quello o aveva un enfisema o era checca o entrambe le cose.


LEGGI I COMMENTI (5) - SEGNALA questo BLOG

domenica 26 novembre 2006
ore 12:26
(categoria: "Vita Quotidiana")


Love, love, love

è una figata. Ovviamente i puristi storceranno il naso, ma è innegabile che ’stavolta i Beatles sono ancora più Beatles. 26 tracce da ascoltare almeno 8 volte ciascuna (quindi un totale di 208 brani, neanche una MP3 collection da edicola), perchè ogni volta trovi un pezzo di qualche canzone nascosto tra le pieghe, la linea di basso di questa o il fill di batteria di quell’altra.
Bello bello bello.
Specialmente perchè è firmata dal quinto beatles, il grande George.
http://en.wikipedia.org/wiki/Image:SirGeorgeMartin.jpg


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG

mercoledì 22 novembre 2006
ore 11:12
(categoria: "Vita Quotidiana")


interfaccia audio multicanale
thenice, volgarmente detto ilBello, mi accennava a una sua necessità musicale e per nn fare troppi giri gli rispondo qui.
Dipende da:
A-budget
B-qualità
C-praticità
Se microfoni ogni elemento della batteria separatamente, ti servono per forza almeno 8 preamplificatori microfonici. Se invece microfoni per sezioni (più sensato nel caso tu non riesca ad evitare i rientri nei microfoni dei legni contigui) potresti fartene bastare 4.
Intanto, consiglio esclusivamente una interfaccia audio esterna su Firewire.
Le interfacce audio generalmente hanno 2 o 4 ingressi mic (4 nel caso della 828 o della Traveler) e il rimanente sono ingressi di linea e/o digitali. Ci sono poche interfacce che montano di serie 8 ingressi microfonici, queste che ti elenco sono nella gamma fra i 1000 e i 2200€:
-M-Audio ProjectMix: ottima xkè integra anche una superficie di controllo ed è in bundle con ProTools LE, ma i pre fanno schifuz
-Terratec Mic8: monta splendidi pre SPL, molto pratica - è quella che uso di più: purtroppo l’abbiamo messa fuori produzione
-Presonus DigiMAX: di qualità ineccepibile, c’è anche la versione con i limiter già integrati nei pre. I driver Windows non mi avevano entusiasmato.
-Motu 8pre: novità di casa Motu, forse è il compromesso migliore prezzo/qualità anche se la vedo rivolta prevalentemente ai Mac
-Motu 896HD una regina, tant’è che la abbinano spesso ai sistemi ProTools HD. Anche qui, per esperienza i driver Motu vanno meglio su un Mac.

Altrimenti, una soluzione più flessibile è quella di usare una qualsiasi interfaccia audio con almeno 8 ingressi e aggiungere un preamplificatore mic a 8 canali esterno, da collegare o via linea (8 cavetti) o via ADAT se l’interfaccia ne è dotata ( si tratta di un protocollo che trasmette 8 canali audio digitali su un’unica connessione in fibra ottica monomodale).
Qui la lista si allunga. Per le interfacce:
M-Audio serie Firewire, Edirol, MOTU, Presonus.
Per i Pre, c’è il mondo. Dagli Sm Pro Audio in su. Dipende anche dalla qualità dei microfoni che usi.

Le soluzioni del gruppo 1, apparentemente più costose, sono però di livello più professionale e forse alla fine le ammortizzi prima. Considera che andando al risparmio con una M-Audio FW1814 + un pre Sm Pro Audio arrivi sui 700-800€, ma aggiungendo 200€ potresti già avere pre di qualità, un sistema integrato, dei buoni driver, e magari un prodotto anche più rivendibile.

In genere, evita i pre microfonici di M-Audio, Behringer, ESI e altri marchi che fino a 2 giorni fa facevano tosaerba come Lem, Phonix o CiccioPosticcio.


LEGGI I COMMENTI (5) - SEGNALA questo BLOG

venerdì 17 novembre 2006
ore 15:34
(categoria: "Vita Quotidiana")


Contrazioni dell’epitelio pilifero
Tornando da pranzo ci siamo imbattuti un’altra volta in una figura inquietante. Una giovane donna, grandi occhiali da vista, capelli lunghi un po’ scomposti, che cammina in silenzio spingendo una carrozzina.





Vuota.

"Sta andando a fare il tagliando"
"Si sta allenando per il nascituro"
"Fa un servizio di nurserybus"
"Sta andando a montare le gomme da neve"
"E’ una copertura"
queste e altre amene ipotesi non riescono a scrollarmi di dosso la sensazione agghiacciante.


COMMENTA (0 commenti presenti) - SEGNALA questo BLOG


> > > MESSAGGI PRECEDENTI
DICEMBRE 2019
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

RICERCA:
Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:

[KBL]sandy lucadido girella vane82E61 AkiraFudo Bocio Jashugan 25 fabio zilvio Marrabbia Viper Leonida Centipede ©amillina Dott.ssa_I EmmaBovary Razza Nickyts Void Deep Blue Malinka galvan chrisrubio momo dido lallalla Gino Pongo chobin Beatrix_k ilBello


BOOKMARKS

Nessun link inserito: Invita l'utente a segnalare i suoi siti preferiti!

UTENTI ONLINE: