BLOG MENU:


bugsbanny, 30 anni
spritzino di padova
CHE FACCIO? lavoro
Sono single

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO

un po’ di libri

HO VISTO

che non finirò mai di stupirmi

STO ASCOLTANDO

il silenzio

ABBIGLIAMENTO del GIORNO

easy

ORA VORREI TANTO...

essere in viaggio

STO STUDIANDO...

quello che mi inteteressa

OGGI IL MIO UMORE E'...

keep calm and stay bambucia

ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


1) Rendersi conto di essere soli... Di aver avuto accanto un Angelo... E di averlo ucciso... Di aver sbagliato e di non poter tornare indietro... Vivere sospesi tra l'indecisione e la paura... Ogni giorno ti svegli e lei nn c'è... e così per sempre... ti svegli, ma in realta dormirai per sempre senza lei accanto... Vivi la vita con una maschera per nn far vedere a chi ti stai accanto che in realta sei morto... Ti circondi di persone che nn ti conoscono perché loro nn possono vedere che hai perso la felicità... Un giorno era venuto un angelo per me e io l'ho ucciso... Nn ti scorderò mai Piccola...
2) doversi alzare da sotto il piumone alle 7 di mattina in pieno inverno

MERAVIGLIE


1) ... l'instabilità del caso ... sapere che vivere nn è una teoria matematica e in ogni attimo tutto può essere rivoluzionato anche da una semplice frase...
2) Le castagne appena cotte.. un caminetto, una bella boccia di vino rosso e una persona speciale accanto..
3) Sentire che per qualcuno tu conti davvero


so resistere a tutto tranne che alle tentazioni...

o. w.




(questo BLOG è stato visitato 2262 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]





lunedì 30 giugno 2014 - ore 21:31


non chiedo molto.... solo di poter vivere in infradito e costume...
(categoria: " Riflessioni ")




COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 11 marzo 2014 - ore 16:23


"Me gustas cuando callas" di Pablo Neruda
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Me gustas cuando callas porque estàs como ausente,
y me oyes desde lejos y mi voz no te toca.
Parece que los ojos se te hubieran volando
y parece que un beso te cerrara la boca.

Como todas las cosas estàn llenas de mi alma
emerges des las cosas, llena del alma mìa.
Mariposa de sueno, te pareces a mi alma,
y te pareces a la palabra melancolìa.

Me gustas cuando callas y estàs como distante.
Y estàs como quejàndote, mariposa en arrullo.
Y me oyes desde lojos, y mi voz no te alcanza:
dèjame que me calle con el silencio tuyo.

Dèjame que te hable tambièn con tu silencio
claro como una làmapara, simple como un anillo.
Eres como la noche, callada y costelada.
Tu silencio es de estrella, tan lejano y sencillo.

Me gustas cuando callas porque estàs como ausente.
Distante y dolorosa como si hubieras meuerto.
Una palabra entonces, una sonrisa bastan.
Y estoy alegre, alegre de que no sea cierto.



COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



sabato 22 febbraio 2014 - ore 18:01



(categoria: " Vita Quotidiana ")


confusione totale.....
unica certezza gli amici....

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 18 febbraio 2014 - ore 17:09



(categoria: " Vita Quotidiana ")


Lei non è con me
Posso scrivere i versi più tristi stanotte.
Scivere, per esempio: "La notte è stellata,
e tremano, azzurri, gli astri, in lontananza".
Il vento della notte gira nel cielo e canta.
Posso scrivere i versi più tristi stanotte.
Io l’ho amata e a volte anche lei mi amava.
In notti come questa l’ho tenuta tra le braccia.
L’ho baciata tante volte sotto il cielo infinito.
Lei mi ha amato e a volte anch’io l’amavo.
Come non amare i suoi grandi occhi fissi.
Posso scrivere i versi più tristi stanotte.
Pensare che non l’ho più. Sentire che l’ho persa.
Sentire la notte immensa, ancor più immensa senza lei.
E il verso scende sull’anima come la rugiada sul prato.
Poco importa che il mio amore non abbia saputo fermarla.
La notte è stellata e lei non è con me.
Questo è tutto. Lontano, qualcuno canta. Lontano.
La mia anima non si rassegna d’averla persa.
Come per avvicinarla, il mio sguardo la cerca.
Il mio cuore la cerca, e lei non è con me.
La stessa notte che sbianca gli stessi alberi.
Noi, quelli d’allora, gia’ non siamo gli stessi.
Io non l’amo più, è vero, ma quanto l’ho amata.
La mia voce cercava il vento per arrivare alle sue orecchie.
D’un altro. Sarà d’un altro. Come prima dei miei baci.
La sua voce, il suo corpo chiaro. I suoi occhi infiniti.
Ormai non l’amo più, è vero, ma forse l’amo ancora.
E’ così breve l’amore e così lungo l’oblio.
E siccome in notti come questa l’ho tenuta tra le braccia,
la mia anima non si rassegna d’averla persa.
Benchè questo sia l’ultimo dolore che lei mi causa,
e questi gli ultimi versi che io le scrivo.

PABLO NERUDA

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 18 febbraio 2014 - ore 16:45



(categoria: " Vita Quotidiana ")


non mi manca niente eppure mi manca tutto.... com’è lunga la ricerca della serenità... i saggi dicono che lo scopo della vita è proprio questa ricerca, ma se una persona riuscisse ad arrivarci basterebbe assaporarla per un attimo dopo che in cambio si è donata la vita intera per rincorrerla?

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 4 febbraio 2014 - ore 16:59



(categoria: " Vita Quotidiana ")


la beffardaggine del destino..... ogni volta che rialzi la testa per guardare avanti e correre ti fà lo sgmabetto per ricordarti chi comanda!
spero sia l ultimo, che mi faccia cadere e con la testa chiudere per sempre la porta!

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



martedì 10 dicembre 2013 - ore 16:05


spolverata..
(categoria: " Vita Quotidiana ")


Più di sei anni dall ultima volta che scrissi qualcosa in questo diario virtuale... non sono mai stato un patito di queste cose ma all epoca mi divertiva buttarci dentro qualche minchiata o pensiero del momento.
Proprio quello che, in fin dei conti, stò facendo ora, rispoleverandolo nonostante le mie limitate energie spese per queste cose siano ormai dedicate unicamente ai 5 minuti giornalieri di fb.
Ne è passata di acqua sotto i ponti in questi anni e la foto scattata nell ultimo post del 2007 la ricordo come fosse solamente ieri... ricordo la persona che mi accompagnava (e che poi mi "accompagnò" per i successivi 6 anni ), il motivo per cui eravamo li, il profumo dell aria, il caldo che faceva e persino l eccitazione che in quel periodo mi imperversava per il lavoro, all epoca da poco trovato, che speravo essere quello della mia vita (e non solo il lavoro..).
Ma la vita in fin dei conti con noi gioca e noi non possiamo fare altro che stare al gioco perchè se ieri pensavi di avere le carte vincenti ora ti ritrovi con le carte sbagliate... ma A 30 anni ho compreso (POCO) una delle più grandi lezioni e cioè che a questo gioco si deve imparare a bleffare sino a quando non ti ritornano le carte vincenti. Carte che però non vedrai più come l ancora di salvezza o come l asso da calare per chiudere la partita, ma come ennesima sfida per rilanciare e far si che la partita duri più a lungo possibile. In fin dei conti se vincessimo subito cosa ci resterebbe poi?.
Uno dei problemi che affligge le persone forse è proprio quello di voler esclusivamente aspettare le carte buone... l attesa dovrebbe invece essere un opportunità o addirittura una benedizione per riempire il tempo e fare tutto ciò che comunque poi non si riuscirebbe a fare qualora arrivassero le carte giuste!
Un giocatore può avere in mano tutti gli assi della partita ma se non sa come usarli è come non averli... ecco a cosa serve l attesa, ad imparare a giocare e riempirsi interamente di quel gioco chiamato VITA!

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



mercoledì 15 agosto 2007 - ore 10:54


Messaggio MMS
(categoria: " MMS & SMS ")




grande!

COMMENTA (0 commenti presenti) - PERMALINK



domenica 20 maggio 2007 - ore 12:24



(categoria: " Vita Quotidiana ")


chi al mare, chi al lago, chi in giro x il mondo, chi a casa con le gioie x aria e chi, come il sottoscritto, a lavurà....
quindi buon divertimento a chi può!

LEGGI I COMMENTI (2) - PERMALINK



giovedì 26 aprile 2007 - ore 11:45



(categoria: " Vita Quotidiana ")


tornato da budapest....
città meravigliosa che consiglio vivamente a chi nn l’ha mai vista!
oltre ad essere bella x l’architettura è una città molto pulita e sicura (in metropolitana si viaggia con la massima disinvoltura e tranquillità, per esempio), la gente è molto cordiale, onesta e quasi tutti parlano bene l’inglese...insomma, merita veramente

LEGGI I COMMENTI (4) - PERMALINK




> > > MESSAGGI PRECEDENTI
MAGGIO 2020
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31


Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:




BOOKMARKS


Nessun link inserito: Invita l'utente a segnalare i suoi siti preferiti!


UTENTI ONLINE: