BLOG MENU:


galvan, 36 anni
spritzino di buona volontà
CHE FACCIO? do i numeri a spizzichi e Bocconi
Sono sistemato

[ SONO OFFLINE ]
[ PROFILONE ]
[ SCRIVIMI ]


STO LEGGENDO



HO VISTO

e non voglio dimenticare.

STO ASCOLTANDO

L’integrale delle opere per organo di Bach suonate da Simon Preston.

ABBIGLIAMENTO del GIORNO



ORA VORREI TANTO...

eh, cazzo, sì.

STO STUDIANDO...

Appunti per lezioni, libri adottati e collaterali, e-mail di allievi e di colleghi, regolamenti di condominio e estratti conto.

OGGI IL MIO UMORE E'...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...



ORA VORREI TANTO...







PARANOIE


1) Dimenticare
2) veder morire la goliardia
3) Essere beccati dall'autovelox due volte nella stessa sera!!!
4) i siti ottimizzati per explorer

MERAVIGLIE


1) insegnare
2) ...Trovare il semaforo verde alla Stanga
3) Svegliarsi con la convinzione che sia ora di alzarsi, guardare la sveglia ed accorgersi che invece mancano due ore...
4) la sicurezza che c'è qualcuno sempre disposto a ascoltarti e crederti.
5) vedere attorno a te le persone a cui vuoi bene che ti guardano con ammirazione... e sapere di aver fatto tutto quello che potevi per meritartela





(questo BLOG è stato visitato 24469 volte)
ULTIMI 10 VISITATORI: ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite, ospite
[ ELENCO ULTIMI COMMENTI RICEVUTI ]





martedì 14 giugno 2011 - ore 11:27


Ripensare i referendum
(categoria: " Riflessioni ")


Il risultato dei referendum di ieri è semplicemente commovente e liberatorio. Già mi sono sentito più leggero di qualche kilo dopo le amministrative e i relativi ballottaggi; oggi posso dire che sto davvero sentendo rinascere la speranza.

Non voglio mettermi a discutere di che cosa dovrebbero fare i partiti, né mettermi a analizzare il significato più o meno politico dei voti: per oggi, consideriamolo semplicemente uno splendido e ben riuscito esercizio di democrazia da parte di noi, popolo italiano, che di democrazia sana avevamo tanto bisogno. Preferisco invece parlare di un altra questione, che credo dovremmo affrontare al più presto per evitare di ritrovarcela tra i piedi in un altro momento critico.

Anche in questi referendum, come in altri, si è assistito alla "manovra sporca" di chi, sostenendo la legge oggetto di possibile abrogazione, invitava i cittadini a "andare al mare" per far mancare il raggiungimento del quorum. La manovra è stata ancora più sporca in quanto, per tentare di farla riuscire meglio, si sono pure spesi (fino a ieri avrei detto "buttati", ma per fortuna non è stato così) centinaia di milioni di euro per tenere i referendum in un giorno diverso dalle elezioni amministrative dei giorni scorsi. Addirittura si è arrivato a dire che "se i Padri costituenti non avessero voluto che astenersi fosse la stessa cosa che votare no, non avrebbero previsto il quorum": è un’affermazione senz’altro ben concepita (tanto che ha tratto in inganno anche persone sulla cui profonda intelligenza non ho il minimo dubbio), ma tanto falsa e tendenziosa da rasentare quasi il reato.

Ebbene: credo che sia assolutamente necessario fare chiarezza sulla distinzione tra i tre possibili risultati di un referendum:
  • se il quorum viene raggiunto e vincono i sì, il popolo italiano esprime la decisione di eliminare la legge;
  • se il quorum viene raggiunto e vincono i no, il popolo esprime la decisione di mantenere la legge;
  • se il quorum non viene raggiunto, il popolo esprime l’intenzione di non occuparsi dell’oggetto del referendum e di delegare pienamente il Governo e il Parlamento a occuparsene come meglio credono.
Spieghiamoci con un esempio.

Hanno vinto i sì contro la legge sul nucleare: ciò significa che la legge sul nucleare viene abrogata e che Parlamento e Governo sono moralmente obbligati a non inserire in nessun modo le centrali nucleari nel piano energetico nazionale. Se avessero vinto i no, la legge sarebbe rimasta e Governo e Parlamento avrebbero continuato a perseguire la costruzione di centrali nucleari. Il punto importante, però, è che tali obblighi morali (e anzi, forse, anche un po’ più che soltanto morali) valgono non soltanto per questo, ma anche per i successivi governi. Detto in soldoni: se avessero vinto i no e fra un anno fosse andato al governo Vendola, in ogni caso non avrebbe potuto fermare la costruzione di centrali nucleari.

Naturalmente, tutto quanto appena detto non vale più una cicca se il referendum non raggiunge il quorum. Per continuare l’esempio: se il referendum non fosse stato valido, questo governo avrebbe proseguito la politica nucleare, ma l’ipotetico Vendola dell’anno prossimo l’avrebbe naturalmente cancellata, come primo o secondo atto del suo nuovo governo. Un anno e mezzo dopo, caduto il governo Vendola a causa di una lotta intestina con Mussi, il nuovo governo Briatore avrebbe naturalmente ricominciato il programma nucleare, e così via, e così via.


Questa distinzione risponde, credo, anche a chi sostiene che il quorum vada abolito: non si può, semplicemente perché è assolutamente necessario distinguere tra temi che interessano il popolo (l’acqua, o il nucleare, o la legge uguale per tutti) e temi sui quali il popolo desidera legittimamente delegare il Governo (la separazione delle carriere dei magistrati, o il diritto dei sindacati di trattenere la quota d’iscrizione direttamente dalla busta paga).

Certo, si potrebbe pensare di cambiare la soglia del quorum. Volendo, ho una proposta anche su questo: invece dell’attuale "maggioranza degli aventi diritto" (il famoso 50% + 1), si potrebbe abbassare il quorum alla metà dei votanti nelle ultime elezioni politiche. In questo modo, se l’affluenza alle elezioni precedenti fosse stata dell’80%, il quorum sarebbe al 40% e cambierebbe poco; ma, soprattutto, un governo eletto con pochissimi voti saprebbe di essere facile preda di referendum abrogativi con quorum bassissimi. Come vi pare?

LEGGI I COMMENTI (1) PERMALINK



DICEMBRE 2019
<--Prec.     Succ.-->
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31


Solo in questo BLOG
in tutti i BLOG


BLOG che SEGUO:


[ Amici e affini: ]

calimero fret quaela vetia

[ Conoscenti e bella gente in genere: ]

[kbl]sandy centipede ceres cherry-lyn cia2003 dott.ssa_i entropia fabio gatsu81 giuseppino gwen jadepeg jashugan la donky laurina lazzaro leonida lordzoster lucadido marrabbia momo nickyts ninfea pippiri quaela vane82e61 viper void
25 akirafudo beatrix_k girella vampina

[ e con blog in sonno: ]

albxxx ayeye barotropico bibbo chobin chrisrubio dade666 dark night emmabovary genjosanzo gino pongo goku ilbello kabiria77 miss lsdn sailei temporale zilvio

[ Visitatori sporadici ma sempre graditi - conoscenze virtuali: ]

dr remengo erpo jslf maryz phelt shannara thewolf trap
(e senza blog o quasi:
banshee cedric emily fly misash)


[ Un dovere morale: ]

casbah


BOOKMARKS


La Pagina di Gino
(da Pagine Personali / HomePage )
Dilbert
(da Tempo Libero / Umorismo e Satira )



UTENTI ONLINE: